Lilly's lifestyle

Salotto virtuale di Liliana Navarra, un'italiana a Lisbona. Vuoi visitare Lisbona e il Portogallo come un local? Contattami! info.lillyslifestyle@gmail.com

Due passi nel cuore ‘magico’ di Napoli: San Gregorio Armeno

ENGLISHPORTUGUÊSFRANÇAISESPAÑOL

Napoli è una città magica, fatta di misteri, superstizioni e miracoli. L’altro giorno ho deciso di fare due passi in una delle strade che, a mio avviso, sintetizzano al meglio l’anima napoletana: San Gregorio Armeno. Strada celebre sopratutto per i suoi Presepi. La tradizione presepiale di San Gregorio Armeno ha un’origine remota: nella strada in epoca classica esisteva un tempio dedicato a Cerere, alla quale i cittadini offrivano come ex voto delle piccole statuine di terracotta, fabbricate nelle botteghe vicine. La nascita del presepe napoletano, invece, risale alla fine del 700. Se si volessero vedere tutte le miniature e i dettagli di questi capolavori dell’artigianato locale ci vorrebbero giorni. Da non dimenticare che domenica prossima sabato 10 novembre, alle ore 17 in Piazza San Gaetano il Sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, darà il segnale per l’accensione, in Via San Gregorio Armeno, delle meravigliose luminarie ‘Luci d’artista’ offerte dal Comune di Salerno nell’ambito di uno scambio culturale con l’Associazione Corpo di Napoli Onlus’. Chi passeggia per questo pittoresco ‘vico’ noterà che oltre ai presepi e ai relativi pastori, abbondano corni e cornicelli di ogni tipo e misura. Il corno portafortuna è, senza dubbio, il più diffuso amuleto italiano. Le sue origini sono antichissime e risalgono addirittura ai tempi del Neolitico (3500 A.C.), quando gli abitanti delle capanne usavano apporre fuori dall’uscio un corno come auspicio di fertilità. Per adempiere alla sua funzione di portafortuna, il Corno deve essere Rosso perché associato al peperoncino che rappresenta la “malalingua”, deve essere in terracotta (ricordarsi prima di conservarlo nel portafogli di spezzare la punta), rituort (storto) e deve essere regalato pungendo con la sua punta il palmo della mano sinistra della persona a cui lo si regala. Per gli scettici voglio ricordare le parole di Eduardo De Filippo “non è vero ma ci credo”, quindi meglio pronunciare qualche scongiuro: “Uocchio, malocchio, frutticielle a ll’uocchio, prutusino e ffenucchio“!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il novembre 9, 2012 da in Arte e artigianato, Viaggi con tag , , , , , .

COLLABORAZIONI

network guide italiane estero tour

Green Blog

Scopri Lisbona con me!

ristorante roma lisbona

La mia nuova avventura!

Leggi le mie recensioni!

Scatti compulsivi

Seguimi su:

Due chiacchiere con Lilly

LA RIVISTA 2014

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: