Lilly's lifestyle

Salotto virtuale di Liliana Navarra, un'italiana a Lisbona. Vuoi visitare Lisbona e il Portogallo come un local? Contattami! info.lillyslifestyle@gmail.com

Thomas Bayrle al MADRE di Napoli

Ieri approfittando del caldo clemente e della nuova iniziativa del Madre, con entrate gratuite per tutto il mese di agosto, sono andata a vedere l’immensa retrospettive di Thomas Bayrle.

Leg1017488_621766814501530_490862627_ngiamo sul sito del museo:

Insieme ad altri artisti, quali Sigmar Polke e Gerhard Richter, Bayrle è uno dei pionieri e dei principali esponenti della Pop Art in Germania, e uno degli artisti più influenti del nostro tempo.

Incorporando, a partire dagli anni della guerra fredda, simboli sia della società capitalista sia di quella comunista, che si andavano entrambe definendo al di qua e al di là del Muro di Berlino, e continuando ad interrogarsi sui meccanismi della comunicazione e della produzione di immagini della società globalizzata, Bayrle ci ha probabilmente fornito il più potente ritratto dell’uomo- massa contemporaneo, della complessità della sua identità, oscillante fra io e altri, fra solitaria alienazione e paradossale pluralità di relazioni. (continua)

La fortuna ha voluto che sono arrivata proprio quando stava per cominciare la visita guidata gratuita (ore 17:00). Vorrei fare i complimenti a tutto lo staff del museo: cordiale, disponibile, gentile e professionale!

A lui è dedicato tutto il 3° piano. Per la prima volta ho avuto modo di ammirare la maggior parte delle sue opere iconografiche, dalle quali si evince la sua idea che la società in sé è un tessuto composito, del quale si analizza non solo il consumismo, ma anche la mercificazione di sfere più intime come il sesso e la regione.

La serie Feuer im Weizen, del 1970, è infatti un ottimo esempio delle serigrafie esplicite e quasi pubblicitarie che Bayrle produsse in risposta alla liberazione sessuale negli anni Sessanta e Settanta. O ancora il soggetto delle autostrade che diventano metafora della circolazione ad alta velocità di beni e persone, come un’enorme nastro trasportatore.

Qui di seguito vi propongo alcuni miei scatti delle opere ammirate:

Altre opere visionate (le seguenti foto sono state reperite online):

Proseguendo la visita del museo e scendendo al 2° piano ho scoperto le opere di un’artista napoletana: Giulia Piscitelli. La sua mostra si chiama “Intermedium” ed è visitabile fino al 30 settembre. Peccato non si trovi nulla online, avrei voluto saperne di più sul suo percorso artistico. Pazienza!

Qui alcuni scatti reperiti online:

 Dulcis in fundo non potevo non rispondere al richiamo dell’arte attiva. Eccomi munita di guanti a creare la mia istallazione nell’istallazione. Vi piace?

Per chi fosse interessato, qui di seguito l’indirizzo del museo:

MADRE NAPOLI

Via Settembrini 79, 80139 Napoli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

COLLABORAZIONI

network guide italiane estero tour

Green Blog

Scopri Lisbona con me!

tour lisbona con lilly

La mia nuova avventura!

Leggi le mie recensioni!

Scatti compulsivi

Seguimi su:

Due chiacchiere con Lilly

LA RIVISTA 2014

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: