5 cose da fare a Lisbona NON da turista

Dietro invito di giveme5italy, che mi ha proposto di scrivere un articolo che avesse come unico limite il numero 5, ho deciso di scrivere 5 cose da fare a Lisbona non da turisti.

2014-12-20 12.28.18

Su tutte le guide o siti web leggerete dei pasteis de belém, della ginjinha o di Fernando Pessoa. Ecco, sono proprio questi (ottimi ma cliché) iconici della città lusitana che vi sconsiglio di prendere in considerazione se volete vivere per un giorno (magari il secondo godetevi anche l’esperienza del viaggiatore con i classici) la città non da turisti.

Immaginate di esservi appena svegliati, siete ancora nel vostro letto e dalla finestra scorgete l’azzurro cielo di Lisbona. Un azzurro intenso che vi ferisce gli occhi ma vi riempie l’anima di energia. Fate colazione con calma ed uscite. A questo punto, come il grillo parlante di Pinocchio, ma più simpatica, sbuco io che vi do 5 consigli da diluire durante questa vostra giornata.

2014-03-16 16.56.52

1. Alla scoperta della capitale dei Graffiti. Sapevate che Lisbona è stata eletta per due anni di seguito la capitale europea dei graffiti? No? Numerosi sono gli itinerari di street art che potrete percorrere. Potete andare a Picoas a vedere i Gêmeos, scendere per l’Elevador da Gloria ed ammirare la GAU (galleria di arte urbana), a S. Apolónia per vedere le opere di Vihls, alla Lx Factory (un posto unico ed ispirante) per scoprirne di vari, ecc.

2015-01-10 15.43.13

SONY DSC2. Oramai è ora di pranzo e questa lunga passeggiata vi avrà aperto sicuramente lo stomaco. Andiamo insieme a gustare un delizioso pastel de bacalhau (crocchetta di patate e baccalà) da Tendinha, un bugigattolo datato 1840, nella Piazza Dom Pedro IV.

3. Rifocillati, facciamo una sosta in bagno. No, non voglio fare la mammina ma voglio mostrarvi la più bella vista della città. Dove? Dal bagno degli Armazéns do Chiado.

2015-01-10 14.54.55

2014-10-07 16.39.264. Preso il caffè, ci vuole proprio un “ammazzacaffè”, vi svelo così la 4ª chicca della giornata: l’Eduardinho, marca registrata nel 1908. Si deve il nome al pagliaccio Eduardino che lavorava nel vicino Coliseu dos Recreios. Ovviamente dovrete berlo alla “Ginja sem Rival” in Rua das Portas de Santo Antão, 7.

5. Ultimo consiglio è ammirare la città, in tutta la sua splendida skyline, al tramonto per sole 2,40€ (a/r). Come? Imbarcandovi a Cais do Sodré ed arrivando, in traghetto, a Cacilhas (orari).

Non vi bastano solo 5 cose?

Allora, continuate a seguirmi e sbirciate nella sezione Cosa Vedere a Lisboa.

8 Comments

      1. domenico

        Articolo piacevole a leggersi, dei graffiti penso che chi ama l’arte, ne dovrebbe già essere a conoscenza, anche se non sono stati visti ancora, sarà la mia prossima tappa,lo giuro. Bom dia

  1. Elisa

    *___* meraviglia! Anch’io ho mangiato da Tendinha! Guarda le coincidenze! Comunque per me Lisbona e il Portogallo sono belli in tutte le salse – con percorsi turistici o meno – ci sono già tornata tre volte e non escludo di tornarci una quarta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.