Lilly's lifestyle

Salotto virtuale di Liliana Navarra, un'italiana a Lisbona. Vuoi visitare Lisbona e il Portogallo come un local? Contattami! info.lillyslifestyle@gmail.com

Angers, le 48 ore di una napoletana tra gli angioini

ENGLISHPORTUGUÊSFRANÇAISESPAÑOLDEUTSCH

angers

Chi vive o è nato a Napoli, come me, non può non conoscere il Maschio Angioino e la sua storia. Erano anni che mi incuriosiva conoscere questa parte della Francia che riuscì a dominare una città come Napoli e a costruire uno dei suoi più bei castelli.

Organizzando il nostro itinerario on the road verso la Valle della Loira (senza i castelli) decidiamo di cominciare proprio da Angers. Grazie al simpaticissimo Olivier Bouchereau, responsabile stampa dell’Ufficio del Turismo di Angers, abbiamo organizzato 48 ore alla scoperta della città, muniti della preziosissima City Pass.

Arriviamo ad Angers, da Vannes, verso le 17:30 orario del nostro appuntamento con Olivier nell’ufficio del turismo. Durante la nostra riunione scopro di essere la prima blogger italiana del 2016 a scrivere un reportage sulla città. Parcheggiamo l’auto un po’ più distante perché il parcheggio del castello è stracolmo e non troviamo posto.

Il parcheggio in città è caro ma per fortuna, dall’altra parte del fiume, c’è un ampio parcheggio gratuito dove lasciamo la nostra auto durante questi due giorni di visita della città.

Quello che mi colpisce subito è che Angers è accessibile per persone con mobilità ridotta. Sulla maggior parte dei marciapiedi troviamo il simbolo che indica il percorso agibile con sedie a rotelle, con tanto di freccia direzionale che collega i principali luoghi d’interesse del centro storico.

angers francia percorso accessibile

Con Angers è stato amore a prima vista, la città è un gioiellino e le persone, con ottimo gusto e stile nel vestire (altro che l’accozzaglia di Parigi) sono gentilissime e super simpatiche. Non ci credete? Allora vi racconto due episodi.

Il primo si svolge sulle strisce pedonali, non molto lontane dal castello. Attendiamo il nostro turno per attraversare dopo un gruppone di persone, un autobus attende pazientemente tutti e noi per cortesia vogliamo farlo passare. Il simpatico conducente però ci vuole “per forza” far attraversare con tanto di sorriso, sbuffetto e braccia incrociate in risposta al nostro “prego, passi pure”. Poveretto, stava bloccato da un bel po’ per far passare tutti.

Il secondo episodio si svolge ad un semaforo. Cerco disperatamente di scattare una fotografia ad una deliziosa casetta in legno ma, la sfortuna vuole che, ci sono camion ovunque e ci si mette anche il semaforo. Due ragazzi in auto vedono il mio sconforto e, udite udite, fermano l’auto per bloccare la fila e farmi fotografare senza ostacoli. Perdono anche il semaforo verde per la mia foto. Risultato? 4 grandi sorrisi! Non sono un amore? Non vi basta ancora? E se vi dicessi che nella maggior parte delle caffetterie della città servono il caffè Kimbo?

dove bere un caffè bar angers francia

Ritorniamo a noi. Dopo aver lasciato Olivier, che gentilmente ci ha spiegato ed indicato le cose più importanti da vedere, recuperiamo l’auto per fare il check-in in hotel. Nella Place du Ralliement c’è un parcheggio sotterraneo dove la prima ora è gratuita e la sera, dopo le 19, se lasciate l’auto per l’intera notte (fino alle 9 del giorno dopo) pagate solo 2€.

Noi abbiamo approfittato di questo tariffario la prima sera perché eravamo molto stanchi e il parcheggio era proprio di fronte il nostro hotel. La mattina seguente abbiamo lasciato l’auto nel parcheggio gratuito di Place de La Rochefoucauld, ubicato dall’altra parte del Pont de Verdun (XII sec.).

angres francia centro città cosa visitare

Conclusa la registrazione e lasciati i bagagli in stanza, scendiamo subito in strada per fare una passeggiata e riposarci un po’ con un aperitivo in Place Romain per ammirare la movida angioina.

La temperatura è magnifica e la città è piena di stradine pedonali ricche di caffè e bar con tavolini all’aperto. Noi abbiamo optato per La Civette, ho anche trovato il mio amato spritz.

La Civette aperitivo angres francia

La serata, qui a giugno c’è luce fino alle 23, la trascorriamo a fotografare, girare per il centro e cenare in una buona pizzeria (per quanto lo possa essere all’estero). Dopo più di una settimana a mangiar pesce non ne potevo proprio più. Conclusa la cena, facciamo ancora due passi per digerire. Anche di notte la città è incantevole.

La mattina seguente ci svegliamo presto per approfittare in pieno della giornata, abbiamo tantissime cose da vedere. Prima tappa è il castello. Per chi non lo sapesse, il famoso castello di Angers fu utilizzato d’ispirazione per la costruzione del Maschio Angioino di Napoli. Sinceramente mi ci è voluta molta immaginazione per vedere le somiglianze.

IL CASTELLO

Non sono un’amante dei castelli, se non vederli dall’esterno tipo cartolina, ma devo dire che il castello di Angers (XIII secolo) merita una visita sia per la sua collezione di arazzi dell’Apocalisse sia per la sua curiosa vigna nel giardino che costeggia le mura di cinta.

cosa visitare angers francia il castello

Entrati nel castello, cercando di anticipare due grandi gruppi di turisti, ci catapultiamo direttamente nella sala dove è esposto il più antico ciclo di arazzi del mondo, della lunghezza di ben 100 metri ed interamente realizzata con la lana. Dal vivo è veramente impressionante.

arazzi apocalisse angers francia

L’opera fu commissionata nel 1375 dal duca Luigi I d’Angiò, fratello del re Carlo V, terminata dopo ben 7 anni di lavoro rappresenta l’Apocalisse di San Giovanni, l’ultimo libro del Nuovo Testamento. Siamo fortunati, la sala è ancora vuota e silenziosa e noi assorbiamo ogni colore e forma di queste magnifiche raffigurazioni.

Usciti dalla sala dell’Apocalisse ammiriamo il giardino interno e la curiosa vigna e gli orti di piante aromatiche. C’è veramente di tutto, il sogno di ogni amante della cucina, come me.

giardini interni castello angers francia

vigna nei giardini interni castello angers francia

Conclusa la visita del castello, ci inoltriamo per le stradine pedonali dell’antico borgo medievale, La Doutre. In queste stradine troverete anche la casa più antica della città, impossibile non riconoscerla.

Continua il nostro girovagare per il centro storico, ricco di negozietti interessanti di stilisti fuori dagli schemi convenzionali della moda commerciale, non vi nascondo che anche non amando fare shopping sono entrata a curiosare in alcuni negozi di moda. Le vetrine qui sono magistralmente organizzate, sembrano quadri. Per non parlare del famoso negozio La Maison du Quernon d’ardoise, dove si possono comprare i famosi quernon d’ardoise la specialità della città. Come resistere?

dolcetti tipici angers francia

Vi consiglio inoltre di camminare con il naso all’insù, questa città ha un patrimonio architettonico da far invidia a moltissime città francesi.

architettura angers francia

Arriviamo dinanzi La Maison d’Adam la più famosa della città. Fatta costruire nel 1490 (circa) prende il nome da Adamo ed Eva, per il melo scolpito sulla facciata e per le due statue delle figure dell’antico testamento che potete ammirare tra la porta e la vetrina del negozio.

cosa vedere a angers francia

MUSEO JEAN LURÇAT

Installato all’interno della chiesa ex-ospedale militare di Saint Jean del XII secolo, il museo ospita, sin dal 1968, Chant du monde (il Canto del Mondo) tappezzeria di Jean Lurçat. Una risposta contemporanea dell’artista all’arazzo dell’Apocalisse.

La sala dove sono esposti gli arazzi era l’antica sala dell’ospedale che accoglieva i malati, aveva la capacità di ben 360 letti. Dell’ospedale rimane oramai solo parte della farmacia e una litografia che raffigura la sala dove venivano accolti e curati i pazienti.

Le collezioni all’interno sono opere donate da Jean Lurçat, Thomas Gleb e Josep Grau-Garriga. DOVE: 4 Boulevard Arago, Angers. Maggiori informazioni.

museo tappeti angers francia

Prima di proseguire per la parte museale decidiamo di visitare anche l’antico chiostro della chiesa.

ex-ospedale militare di Saint Jean angers francia

ALTRI LUOGHI DA VISITARE

MUSEO DI BELLE ARTI

GALLERIA DAVID D’ANGERS

Prima di salutare Angers decidiamo di non fare colazione in hotel per approfittare del sole e dei tavolini del Café du Port in Cale de la Savatte. Credo sia il miglior saluto che potessimo fare. Prossima destinazione? Restate sintonizzati!

colazione caffè porto angers francia

MAGGIORI INFORMAZIONI SULLA CITTÀ

http://www.angersloiretourisme.com/it

Se non avete l’auto potete arrivare ad Angers con il

TRENO

la stazione ferroviaria Sncf – Tgv di Angers dista 35 minuti da Nantes, 90 minuti da Parigi, 4 ore da Lione.

IL NOSTRO ALBUM FOTOGRAFICO

Un ringraziamento speciale va a Olivier Bouchereau dell’Ufficio del Turismo di Angers

ALTRI ARTICOLI CHE VI POSSONO INTERESSARE

RENNES

VANNES

ANGERS

BRETAGNA, LA COSTA SELVAGGIA DI QUIBERON

ON THE ROAD VERSO LA VALLE DELLA LOIRA

LA NOSTRA PRIMA VOLTA NEI TROGLODITI

VALLE DELLA LOIRA ITINERARIO SENZA CASTELLI

DOVE DORMIRE NELLA VALLE DELLA LOIRA

LA DAGUELOIRE

DOMAINE DE JOREAU

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Annunci

13 commenti su “Angers, le 48 ore di una napoletana tra gli angioini

  1. stelleweb
    luglio 4, 2016

    Invoglia veramente a partire!!!!! Bellissimo viaggio!

    • lillyslifestyle
      luglio 4, 2016

      Per ora è la città più bella della Francia che ho visitato (ovviamente è il mio punto di vista) 😉

      • stelleweb
        luglio 4, 2016

        La terrò presente 🙂

      • lillyslifestyle
        luglio 4, 2016

        se poi vorrai consigli scrivimi pure 😉

  2. marzia
    luglio 4, 2016

    Mi son fatta una scorpacciata di foto della cittadina..
    Ma tra Napoli e gli angioini il rapporto è stretto..mica vogliamo pensare solo alla dominazione aragonese!

    😉

    • lillyslifestyle
      luglio 5, 2016

      Esatto 😉 mi è rimasta talmente nel cuore che stiamo già organizzando il ritorno! Magari tuo marito può realizzare un doc sul rapporto tra le due città.

      • marzia
        luglio 5, 2016

        Potrebbe, ma lui detesta usare immagini fisse..in genere mi da ascolto, ma non quando decide il montaggio.
        Hai un debole per il periodo angioino, dì la verità..
        Questa Chiesa ( non faticherai riconoscerla: San Giovanni a Carbonara,) vorrei visitarla un giorno.

      • lillyslifestyle
        luglio 5, 2016

        Si, il debole è proprio lì…. mi son presa anche il fidanzato angioino 😉 vedi tu…

      • marzia
        luglio 5, 2016

        😉

  3. marzia
    luglio 5, 2016

    L’ha ribloggato su Alchimiee ha commentato:
    La seguo, Lilly, di tanto in tanto.
    Quando ho letto questo rèportage che accomuna una cittadina francese con Napoli mi son incantata.
    A voi quale immagine piace di più??

    • lillyslifestyle
      luglio 5, 2016

      Grazie mille cara. Esser ribloggata da te è un onore. 🙂 molte altre fotine le trovate nell’album alla fine dell’articolo. buona giornata. ❤

  4. robisceri
    luglio 15, 2016

    Dritte utilissime e gran belle foto!

    • lillyslifestyle
      luglio 15, 2016

      Grazie mille per esser passata 🙂 Stai organizzando un viaggio in Francia? Buon fine settimana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

COLLABORAZIONI

network guide italiane estero tour

Green Blog

Scopri Lisbona con me!

tour lisbona con lilly

La mia nuova avventura!

Leggi le mie recensioni!

Scatti compulsivi

Seguimi su:

Due chiacchiere con Lilly

LA RIVISTA 2014

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: