Lilly's lifestyle

Salotto virtuale di Liliana Navarra, un'italiana a Lisbona. Vuoi visitare Lisbona e il Portogallo come un local? Contattami! info.lillyslifestyle@gmail.com

Un giorno a Napoli da napoletana, il non ovvio

Scrivere un altro articolo su cosa vedere a Napoli sarebbe a dir poco inutile viste le numerose informazioni che potete trovare online. Oggi voglio invece raccontarvi di una mia giornata a Napoli, la mia città natale. Una giornata che non includerà visite di monumenti ovvi ma, leggendo, farete una passeggiata virtuale insieme ad una napoletana.

24 ore a napoli

ENGLISHPORTUGUÊSFRANÇAISESPAÑOLDEUTSCH

«Della posizione della città e delle sue meraviglie tanto spesso descritte e decantate, non farò motto. Vedi Napoli e poi muori! dicono qui» Goethe

Chi mi segue da un po’ sa benissimo che quando viaggio, o torno in Patria, mi piace sempre scoprire il “non ovvio” delle città.

Solitamente percorro strade che il turista non include, mi piace fermarmi ai tavolini di una caffetteria per osservare la vita locale che scorre dinanzi a me. Insomma, non solo una turista tipica. Con me potete andare a Parigi senza passare per la torre e il Louvre, andare a Roma senza vedere il Colosseo o il Papa…

Siete pronti a trascorrere questa giornata virtuale con me?

Ipotizziamo che siete appena arrivati a Napoli, avete noleggiato un auto, e volete partire alla scoperta di questa meravigliosa città. Non per nulla Johann Volfang von Goethe nella sua magnifica opera “Viaggio in Italia” cita’ Vedi Napoli e poi muori!’.

GALLERIA FOTOGRAFICA

Una giornata a Napoli non può non iniziare con na tazzulella ‘e cafè. Il caffè è un’arte e un rito al quale non potete sottrarvi. Vi porto con me in centro, proprio al lato di Port’Alba al Caffè dell’Epoca, soprannominato anche il Caffè degli Artisti.

Ora si che si ragiona…. shhhh è il momento del #caffe a #napoli. 😉☕

A post shared by Lilly'sLifeStyle (@liliananavarra) on

Solo a Napoli è possibile entrare in una caffetteria e parlare delle poesie di Leopardi con il proprietario che è alla cassa e cerca di concludere il cruciverba. E mentre si parla di poesia, lui comincia a decantare il sabato del villaggio.

Usciti dalla caffetteria basterà che attraversiate la strada per ammirare i resti delle mura greche scoperte nel 1954. Direi che la mattina comincia con il piede giusto.

 piazza bellini napoli mura greche

Foto: Vesuvio Live

Continuando a passeggiare per il centro storico, verrete sicuramente colpiti dai colori, i sorrisi e lo spitito festivo dei suoi vicoletti.

Un post condiviso da Lilly’sLifeStyle (@liliananavarra) in data: 28 Ago 2017 alle ore 13:34 PDT

Avrete la possibilità di parlare d’arte con un pittore di strada, Luigi Gramegna, ed ammirare i suoi irresistibili mini quadri astratti e i cornicelli rossi tanto amati da noi napoletani.

Un post condiviso da Lilly’sLifeStyle (@liliananavarra) in data: 29 Ago 2017 alle ore 00:55 PDT

La città respira arte, dalla pittura alla street art le stradine di Spaccanapoli sono una galleria d’arte a cielo aperto. Numerosi sono gli artisti urbani di fama nazionale ed internazionale che sono giunti fin qui per lasciare una loro opera agli occhi dei passeggiatori attenti ma anche per dei più distratti.

Un post condiviso da Lilly’sLifeStyle (@liliananavarra) in data: 5 Set 2017 alle ore 02:14 PDT

Tutta questa strada vi ha messo un certo languorino? Bene. A Napoli è imprescindibile mangiare una pizza. Dove? Potrei azzardare una risposta: ovunque!

Un post condiviso da Lilly’sLifeStyle (@liliananavarra) in data: 25 Ago 2017 alle ore 13:56 PDT

 

Non essendo abituati alle dimensioni delle pizze napoletane credo che, per digerire, dobbiate fare una bella passeggiata. Riprendiamo allora il nostro girovagare.

Forse adesso arriva un consiglio un po’ ovvio ma vi assicuro che una percentuale altissima di napoletani (stessi) non ha ancora visitato questa preziosità: Napoli Sotterranea.

Un reticolo sotterraneo scavato in epoca augustea per dotare la città di una rete complessa di acquedotti, alimentata da condotti sotterranei provenienti dalle sorgenti del Serino, pensate a ben 70 km di distanza dal centro di Napoli.

Usciti alla luce del sole, potrete sempre fare un salto nella strada più famosa della città, San Gregorio Armeno, conosciuta da tutti come “la strada dei presepi“. Pensate che, a

Napoli, l’arte presepiale risale alla fine del 700. Non dimenticate di comprare un bel cornicello rosso che vi porterà fortuna.

https://lillyslifestyle.files.wordpress.com/2012/11/2012-11-06-13-39-27.jpg?w=502&h=670

 

Nelle vicinanze potreste anche farvi inebriare dai profumi del cioccolato nella cioccolateria storica Gay-Odin, una storia che rimonta all’800.

Tutto questo girovagare e il profumo di cioccolato vi ha riaperto lo stomaco? Perché non stuzzicare sapori di mare e/o terra comprando un cuppetiello? Non sapete cos’è? È un cono di carta ripieno di fritturina napoletana. Una delizia. Vi avviso a Napoli ingrasserete almeno un paio di chili.

1554498_313162725502102_1128297838740883359_n

Continuando la passeggiata, avrete la possibilità di assistere a dei veri concerti di musica napoletana per strada e restare a bocca aperta con le capacità cantore degli artisti.

Un post condiviso da Lilly’sLifeStyle (@liliananavarra) in data: 4 Set 2017 alle ore 10:07 PDT

A questo punto avete due opzioni per concludere il pomeriggio. Dopo questa lunga camminata direi che è il momento di riprendere l’auto e salire su un monte, anzi, a Capodimonte per una visita al Bosco Reale e Museo di Capodimonte oppure, se preferite, lasciare Napoli e recarvi a Baia e Pozzuoli dove potrete visitare il Tempio di Venere al porto di Baia, salire sul Monte di Procida, con vista mozzafiato sul mare e il Vesuvio ed arrivare poi fino alla spiaggia di Miliscola per fare due passi sulla sabbia ambrata.

Io ho optato per la prima opzione, la visita (notturna) del museo. Approfittando degli appuntamenti del giovedì sera, ho visitato la nuova mostra proposta dal museo dedicata a due opere dell’artista belga Jan Fabre. Naturalia e Mirabilia è il titolo della mostra dove sono presentati due lavori realizzati interamente con gusci di scarabeo gioiello. Visitabile fino al 22 ottobre 2017.

Ho approfittato anche per visitare la sezione dedicata all’arte contemporanea del museo. Sapevate che il Museo di Capodimonte è stato il primo museo napoletano a dedicare una sala all’arte contemporanea?

Se siete curiosi di scoprire le opere che ho ammirato, basterà entrare nella galleria fotografica sottostante.

LA MIA GALLERIA FOTOGRAFICA

Questa giornata a Napoli si è oramai conclusa e spero che i miei consigli vi abbiamo convinti a visitare la mia amata città. Ma prima di lasciarvi, voglio consigliarvi la lettura di alcuni articoli correlati.

NELL’AEROPORTO DI NAPOLI NASCE IL SECONDO CAPSULE HOTEL D’ITALIA

VOLI DIRETTI NAPOLI-LISBONA CON RYANAIR

STREET ART A NAPOLI, UN TOUR IMPERDIBILE

APERITIVO AL BELUGA LO SKY BAR DI NAPOLI

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Annunci

8 commenti su “Un giorno a Napoli da napoletana, il non ovvio

  1. chiarapalumboblog
    settembre 5, 2017

    Amo la mia bella Napoli!! Non vedo l’ora di riiniziare l’università per viverla giorno per giorno! 🙂

  2. L'OrsaNelCarro Travel Blog
    settembre 5, 2017

    Ciao bentornata a Lisbona ^_^ Ero curiosa di vedere Napoli attraverso i tuoi occhi! Sai credo che saresti una guida napoletana eccezionale nella tua città 😉 Il caffè “letterario” è TOP, non lo conoscevo e quando torno a Napoli devo farci assolutamente tappa! E adesso devo procurarmi immediatamente un cuoppo hahah!

    • lillyslifestyle
      settembre 5, 2017

      🙂 sono ingrassata in pochi giorni ma tanto ero arrivata preparata. Fammi sapere poi sia del caffè che del cuoppo 😉

  3. Pietrolley
    settembre 7, 2017

    Non sapevo dell’ o’ cuppetiell’ (scritto giusto? 😂). Sembra davvero ottimo come spuntino street food!
    Io il caffè l’ho preso (oppure lo presi, perchè usate il passato remoto 😜) al Gambrinus, vicino a Piazza del Plebiscito!

    • lillyslifestyle
      settembre 7, 2017

      Buono il Gambrinus ma “noi” andiamo in altri caffè 😉 Sei ancora in viaggio giusto? 🙂 Buon giornata!

      • Pietrolley
        settembre 7, 2017

        A dire il vero sono andato lì per la fama diciamo, più che per il caffè!
        Esatto, ancora qua 😊
        Pure a te!

      • lillyslifestyle
        settembre 7, 2017

        😉 hai “azzeccato” il posto giusto!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

COLLABORAZIONI

network guide italiane estero tour

Green Blog

Scopri Lisbona con me!

tour lisbona con lilly

La mia nuova avventura!

Leggi le mie recensioni!

Scatti compulsivi

Seguimi su:

Due chiacchiere con Lilly

LA RIVISTA 2014

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: