cosa vedere a bruxelles

Fine settimana a Bruxelles, non è così grigia come si immagina

Premetto di avevo sempre scartato Bruxelles come prima scelta per un city break perché l’ho sempre immaginata grigia, una città legata alla finanza e poi c’é il Parlamento Europeo che mi sta un po’ sullo stomaco. Questo fine settimana improvviso, per festeggiare il mio compleanno, lo devo sopratutto ad una delle mie carissime amiche che adesso vive lì.

E se vi dicessi che Bruxelles è coloratissima, elegante, dall’architettura da sogno (praticamente non ho visto una strada brutta), multiculturale, ricca di gallerie d’arte, luoghi alternativi ed è la città giusta per gli amanti dell’arte urbana come me? Non mi credete?

Pronti a viaggiare virtualmente con me per un lungo fine settimana alla scoperta del volto alternativo della città?

cosa vedere a bruxelles

Approfittiamo di una promozione aerea allettante da Lisbona a Bruxelles che dista poco più di due ore di volo. Non ci siamo fatti scappare questa occasione che rimandavamo oramai da anni.

Abbiamo alloggiato nel “quartiere europeo” come lo chiamano lì, a pochi passi dalla Commissione Europea, un palazzone specchiato dal fascino (per me) pari a zero.

bruxelles comunità europea

Ovviamente, la città ha delle opere di architettura contemporanea molto interessanti (sicuramente più della commissione, potete vederlo dalla foto in alto) che credo valga la pena di ammirare proprio per scoprire questi suoi due volti in contrasto tra di loro: i rossi mattoncini degli edifici eleganti e l’acciaio e il vetro dei grattaceli.

bruxelles grattacieli

bruxelles arte urbana

Allontanandoci un po’ da questi alti grattaceli, entriamo nella parte del quartiere molto più elegante, calma ed accattivante. L’architettura mi ricorda un po’ Amsterdam anche se qui non ci sono canali. Una zona non centralissima, ma ben collegata con i trasporti, che consiglio vivamente di visitare o pernottare se volete allontanarvi dalle mandrie dei turisti.

bruxelles itinerario a piedi

L’ARRIVO in aeroporto

Arrivati all’aeroporto internazionale di Bruxelles, dopo il ritiro bagagli, seguiamo le indicazioni per l’autobus. Dopo esser scesi al piano inferiore, prima di uscire dall’aeroporto ci siamo recati alle macchinette automatiche GO Ticket per acquistare il biglietto dei trasporti che durerà per l’intero periodo della nostra Brussel Card.

Se optate per non acquistare la tessera turistica potrete sempre acquistare i singoli biglietti. [In quasi tutte le fermate degli autobus in città troverete le macchinette automatiche che emettono i biglietti].

trasporti bruxelles

Presi i nostri biglietti, della durata di 72 ore a partire dal primo utilizzo, siamo usciti ed abbiamo trovato un’ampia piazza con diverse linee di autobus.

Per prendete l’autobus che ci porterà in centro ci siamo recarti alla fermata del BUS 12, piattaforma B. Attenzione: dopo le 20 il bus 12 non circola più ed inizia la corsa del BUS 21. Per consultare le fermate dell’autobus cliccare qui.

I TRASPORTI: METRO E BUS

Bruxelles l’abbiamo praticamente girata tutta a piedi tranne l’ultimo giorno. I bus, i tram e la metropolitana collegano abbastanza bene tutto il centro città con i quartieri un po’ più lontani.

Il biglietto lo potete acquistare in qualsiasi fermata della metro e dell’autobus alle macchinette automatiche. Noi abbiamo optato per la Brussel Card così eravamo coperti su tutti i mezzi di trasporto cittadini e l’autobus per l’aeroporto. Sia in metro che sull’autobus ogni fermata è indicata su uno schermo così da non sbagliare.

Questa in basso è la rete della metropolitana, calcolate però che stanno facendo dei lavori per ampliarla e quindi potrebbe cambiare quando ci andrete, consultate sempre il sito web ufficiale per gli aggiornamenti.

linee metropolitana bruxelles

POSSIBILE ITINERARIO

Qui di seguito voglio condividere con voi il nostro itinerario stilato con l’esigenza precisa di scoprire il volto più alternativo della città. Una città ricca di opere di arte urbana, in parte anche pornografiche, di nuove e meno nuove gallerie e centri d’arte. Una vera piacevole scoperta.

COSA VISITARE

cosa visitare a bruxelles

Un consiglio che voglio darvi è quello di munirvi della Brussel Card, potete anche acquistarla online. Noi abbiamo optato per quella da 72 ore per esser tranquilli con i trasporti e con le visite dei musei.

La tessera include anche il collegamento dell’autobus 12 dall’aeroporto fino in centro città ed anche tutti i musei che cito in basso (tranne lo Stokar Inside).

Sapevate che secondo un articolo del New York Times Bruxelles emerge come piattaforma internazionale per l’arte contemporanea? Ovviamente, noi volevamo confermare questa loro affermazione.

Stokar Inside

Comincio proprio dall’unico museo, in realtà è una galleria d’arte, che non rientra nella Brussel Card.

STROKAR INSIDE è una piattaforma internazionale dedicata all'arte urbana trasformata in "versione supermercato 4.0". Un grande laboratorio artistico inserito nell'area dell'antico Delhaize della Chaussée de Waterloo, nel quartiere Molière uno dei più hippie della città.

Un antico supermercato di 500m2 che abbiamo scelto di visitare perché ci avevano incuriosito alcune foto trovate online quando facevamo ricerche per l’organizzazione del viaggio. Inoltre, nelle date del nostro viaggio ci sarebbe stata un’esposizione (non autorizzata) di alcune opere di Banksy. Come perdere quest’incredibile occasione? Maggiori informazioni.

arte urbana stokar inside bruxelles arte urbana stokar inside bruxelles arte urbana stokar inside bruxelles arte urbana stokar inside bruxelles arte urbana stokar inside bruxellesarte urbana stokar inside bruxelles

BANKSY E IL SEQUESTRO DELLE OPERE

Non immaginate il nostro stupore quando leggiamo, una volta ritornati a casa, che l’esposizione delle opere di Banksy da noi visitata è stata chiusa e le opere sequestrate dagli ufficiali giudiziari.

Un totale di 58 opere del valore stimato di circa 15 milioni di euro sono state rimosse dal centro culturale Strokar Inside perché pare che alcuni dei legittimi proprietari dei diritti d’autore delle opere esposte non avesse autorizzato l’esposizione.

Verità o un’altra trovata di Banksy? Forse tutto si riassume in questa sua opera, una delle prime che si poteva ammirare all’esposizione.

street art stokar inside bruxelles

Curiosi di vedere alcune delle opere “sequestrate”? Eccole.

bruxelles esposizione banksy non autorizzata

Questo slideshow richiede JavaScript.

KANAL – Centre PomPidou

Altro luogo imperdibile a Bruxelles è sicuramente il KANAL – Centre Pompidou da non confondere con quello parigino. Immaginate 35.000 m2 di un antico garage Citroën, oggi dedicato alla creazione artistica in tutte le sue forme ed espressioni: arti visive, design, architettura, istallazioni e spettacoli.

Situato a bordo fiume, visto da fuori non attira l’attenzione come il suo “omonimo” parigino. In realtà, noi l’abbiamo inserito nella lista dei luoghi imperdibili a Bruxelles dietro consiglio della mia amica, in rete non avevo trovato quasi nulla a riguardo.

La visita è curiosa perché varie sono le esposizioni presenti e tutte inserite in spazi insoliti, come il garage, lo spazio del lavaggio auto, la cucina ed altro ancora. Maggiori informazioni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dopo questi primi due consigli i prossimi due vi sembreranno un po’ più banali ma io devo pur sempre accontentare i gusti dei miei lettori e vi assicuro che sono variati.

Mima Museum

Anche il MIMA è situato a bordo fiume e sulla sua terrazza all’ultimo piano si può godere di una bella vista sul canale e su parte della città. Fu fondato nell’aprile del 2016 allo scopo di creare uno spazio museale dedicato all’arte contemporanea.

Quando lo abbiamo visitato c’era un’esposizione dedicata ai manifesti di propaganda contro la guerra, una collezione considerevole distribuita su ben tre piani del museo. Chi mi ha seguita sulla mia pagina Facebook durante il mio viaggio ha potuto vedere i miei video live della visita. Maggiori informazioni.

musei bruxelles da visitare musei bruxelles da visitare

Belgian Comic Centre

Sicuramente il più famoso della lista visto che Bruxelles è la capitale del fumetto, patria di Tintin, Spirou e i Puffi, giusto per citarne alcuni. L’edificio di magnifica decorazione Art Nouveau, opera di Victor Horta datata 1906, è anche definito il tempio del fumetto. Non per nulla è il museo dedicato ai fumetti più grande d’Europa.

Non ci credete? Trovatemene un altro che può potersi permettere 7 mostre permanenti e 2 mostre temporanee in contemporanea.  Maggiori informazioni.

In questa lista di musei e gallerie d’arte ho anche inserito un salto rapido alla casa natale di Audrey Hepburn (non si può entrare purtroppo perché proprietà privata).

Sognavo da anni di poter vedere dove lei nacque e visse durante i suoi primi anni di vita. Inoltre, è il quartiere più borghese della città molto elegante e ricco di caffè dove troverete molte signore impellicciate e pronte per sfilate di moda improbabili.

audrey hepburn bruxelles

Ovviamente, vi consiglio di girovagare per la strade di Bruxelles a caccia di street art, essendo un’arte effimera non sempre è possibile stilare degli itinerari fissi, le opere possono sparire intanto ma voglio condividere con voi queste informazioni.

Consiglio sicuramente il quartiere les Marolles un’area triangolare che comprende il Palazzo di Giustizia, la stazione du Midi e la porta de Hal. Imperdibile anche un passaggio sotto la stazione di Bruxelles-Chapelle, dove troverete un paio di muri ricchi di graffiti.

Restando in tema di luoghi insoliti, consiglio la visita all’associazione Recyclart (purtroppo chiusa quando ci siamo andati noi). Un’associaione che sta occupando un edificio abbandonato proprio della stazione menzionata. Un vero e proprio progetto di rivitalizzazione urbana. Maggiori informazioni.

spazi alternativi bruxelles

Per approfondire invece la storia dei murale di fumetti in città e restare informati sulle varie opere e possibili percorsi da fare a piedi vi invito a visitare il sito web ufficiale (cliccare qui). Giusto per incuriosirvi ancora di più, questo percorso nacque agli inizi degli anni 90, incredibile vero?

Forse non proprio un consiglio “alternativo” ma vi consiglio sicuramente una passeggiata notturna in città che poi è anche tranquillissima e non pericolosa. Cosa ne dite, non è romantica?

visita bruxelles di notte

visita bruxelles di notte

COSA E DOVE MANGIARE

Sicuramente il piatto più famoso sono le “Moules frites” (cozze con le patatine fritte). Le ho mangiate sia al famoso ristorante Volle Gas (prima foto in basso) dove mi son beccata anche una fetta di torta di compleanno altamente infiammabile.

Sarò sincera le ho mangiate anche al Café Central (seconda foto in basso) e vi assicuro che erano molto più buone ed economiche. Inoltre la Café Central potete anche ordinare la mezza dose, viste le proporzioni mastodontiche delle pentole di cozze.

cosa mangiare a bruxellesMoules frites bruxelles

Non mangiando carne e non potendo continuare la mia alimentazione appena con cozze e patate ho cercato un ristorante dove potevo mangiare vegetariano.

Dopo vari km a piedi, sfiniti dalla fame abbiamo optato per una sorta di bistrò/hamburgeria. Il miglior hamburger vegetariano che abbia mai mangiato in vita mia. Dove? Al Café Walvis in 209, Rue Antoine Dansaert.

cosa mangiare a bruxelles cosa mangiare a bruxelles

Ovviamente, non si può non citare due elementi gastronomici caratteristici della città: i waffle e la cioccolata. Non ho indirizzi da consigliarvi ma almeno in aeroporto dovete assolutamente comprare almeno un nudino di Pierre Marcolini. Ve lo ricorderete per tutta la vita.

Per l’ultima cena abbiamo mangiato in appartamento, abbiamo comprato del formaggio in uno dei tanti negozi di formaggi in città ed abbiamo trascorso una piacevolissima serata con vino e raclette fumante. La prossima volta non mi farò scappare il bruch con raclette che ho scoperto purtroppo solo alla fine del viaggio.

Si conclude così il nostro fine settimana a Bruxelles. Questo viaggio mi ha sicuramente fatto cambiare idea sulla città e fatto venir una gran voglia di tornarci presto. E voi, ci siete già stati?

[Questo articolo è stato scritto con la collaborazione dell’Ufficio del Turismo di Bruxelles.]

vi possono interesSare anche

I MIEI DIARI DI VIAGGIO NEL MONDO

diari di viaggio per il mondo

12 Comments

  1. giorgio gallizioli

    Buongiorno Lilly,

    Se sei a Bruxelles, fatti viva e ci possiamo incontrare e parlare della città,

    ciao

    Giorgio Gallizioli

    square Ambiorix 32/34 B 1000 Brussels

    +32 2 2306547 gsm: 0473.915085

    rua Morais Soares 82, 5 dto – PT 1900-348 Lisbon

    +351 213520225 gsm: 925376684

  2. Silvia - The Food Traveler

    Di tante città si ha l’idea che siano grigie, come Berlino per esempio, e poi invece viene fuori che sono colorate. Bruxelles mi ispira tanto ma non ho ancora avuto occasione di andarci, nonostante il volo diretto da Torino (ma non è low cost, forse è per quello 😉
    Ma sai che non avevo proprio idea che Audrey Hepburn fosse nata lì? Ho letto molto invece del museo del fumetto, che mi piacerebbe vedere.
    Buon inizio settimana 😘

    1. lillyslifestyle

      Te la consiglio. Berlino a me continua a non piacermi anche se è attivissima dal punto di vista culturale e artistico. Bruxelles mi ha veramente rapita. 😉 Facci un pensierino hai pure il volo diretto e poi nemmeno io ho utilizzato una low cost. 😉 Buona settimana anche a te :*

  3. L'OrsaNelCarro Travel Blog

    Nooo ma sai che non sapevo che “Sabrina” fosse nata a Bruxelles? Beh ci hai mostrato assolutamente una città piena di colori altro che scala di grigi! Anche io in verità punto da un po il volo Napoli Bruxelles, il mio obiettivo è la vicina Waterloo con il memoriale dell’epica battaglia (persa) di Napoleone. Però gli orari dei voli non sono “cristiani” e magari aspetto che li cambino prima o poi! 😉 Nel frattempo salvo i tuoi suggest! Un abbraccio Lilly!

  4. elena - viaggiodolceviaggio

    Anche a me Bruxelles era piaciuta tantissimo! Specialmente perchè non mi aspettavo niente di che (diciamo che non è una di quelle città come NY che sogni da tutta la vita!) eppure mi ha sopresa tantissimo! In piu, io avevo fato gite a Gand e Bruges, due gioiellini davvero!

    1. lillyslifestyle

      Dipende dai sogni, io NY non l’ho mai sognata per esempio. 😉 heheheh Comunque è stata veramente una bellissima scoperta Bruxelles e sicuramente merita un secondo viaggio per scoprire alcune località limitrofe. La prossima volta Bruges non mi scappa. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.