cosa visitare belem lisbona

Belém, il quartiere più famoso di Lisbona

Simbolo di grandi navigatori, scoperte di famose rotte navali, luogo di magnifici ed imponenti monumenti in arte manuelina, di golosi pasticcini e prigioni in mezzo al fiume. Belém, il quartiere più occidentale di Lisbona.

cosa visitare belem lisbona

A meno di 10 km dalla famosa piazza di Lisbona si arriva a Belém, conosciuto come il quartiere delle Grandi Scoperte Marittime. Fu da qui che Vasco da Gama (sabato 8 luglio del 1497) e Pedro Álvares Cabral con le sue 13 navi (9 marzo del 1500) salparono per raggiungere l’India.

E voi siete pronti a salpare con me per questo viaggio virtuale verso Belém?

belem lisbona salpano le navi

PRENOTA UN TOUR IN BARCA A VELA SUL FIUME VISTA BELÉM

Un po’ di storia

Sapevate che Belém non è sempre stato un quartiere di Lisbona? Era infatti una località distinta unita da un ponte, l’attuale zona denominata Alcântara (che significa per l’appunto ponte).

Dove oggi fiumi di turisti si accalcano al sole per visitare alcuni dei monumenti emblematici della capitale portoghese, in passato, Belém era appena un porto con un’intensa attività marittima legata alla pesca, di un paesino di pescatori della zona, l’attuale Restelo. Restelo, per chi non lo sapesse, nacque a causa dell’aumento del numero di marinai che lì si stabilirono.

Nel XIV secolo la zona continua a crescere anche grazie ai mori che cominciarono a coltivare lì la terra. Liberi o schiavi, era da lì che molti altri partivano verso il mare per la pesca.

Con un numero oramai cospicuo di abitanti, D. Henrique fece costruire una chiesa donata poi all’Ordem de Cristo (ex templari per intenderci) e una fontana pubblica per dissetare la popolazione locale.

storia belem lisbona portogallo

Senza dilungarmi ulteriormente, credo che voi vogliate arrivare al sodo, posso dirvi che dobbiamo aspettare il re Manuel I per cominciare a delineare la silhouette di Belém che conosciamo oggi.

Fu D. Manuel, infatti, che fece erigere la nuova chiesa di Santa Maria de Belém (attuale monastero dei Gerolamini) e una torre “di quattro piattaforme”, la Torre di Belém.

Comincia da qui la costruzione di palazzi nobiliari e zone dove la nobiltà portoghese si rifuggiava dallo “stress” cittadino. Si legge in alcuni scritti del 1620 che la zona di Belém si stava già inserendo nel perimetro cittadino.

Essendo stata una zona poco affettata dal terremoto del 1755, molti si rifuggiarono tra Belém e Ajuda così come il proprio re D. José e la sua corte. Per questo motivo fu fatto costruire, in seguito, il palazzo di Ajuda, ma questa è un’altra storia.

lisbona ajuda storia palazzo

Le calamità naturali e non non mancano a Lisbona e nel 1794, un grande incendio distrugge il “glamping reale”. I reali furono così costretti ad istallarsi nel palazzo di Queluz.

visitare palazzo queluz sintra

Arriviamo al XX secolo, periodo storico durante il quale Belém era oramai una zona molto popolata anche grazie all’arrivo del tram che lo collegava al centro di Lisbona.

Il vero cambiamento radicale si registra nel 1940 con l’Exposição do Mundo Português, evento che fece demolire gran parte del nucleo centrale di Belém, oggi Praça do Império. (Guardate le foto prima della demolizione).

belem lisbona prima della demolizione
Prima della demolizione
lisbona belem anticamente
Antica fabbrica di gas

COSA VISITARE

Molti di voi durante i miei tour mi chiedono consigli su cosa visitare a Belém. Per visitare tutti i luoghi d’interesse, con calma ed attenzione, ci vorrebbero almeno due giorni pieni ma so che non è sempre possibile.

VISITA BELÉM IN AUTOBUS PANORAMICO CON VINO DI PORTO

Qui di seguito, quindi, indicherò una serie di luoghi e monumenti che meritano una visita, sarete poi voi, secondo i vostri interessi e gusti personali, a selezionare cosa visitare durante il vostro viaggio a Lisbona.

travel planning

LUOGHI D’INTERESSE

LA MIA PERSONALE LISTA: (in ordine sparso) Museu do Combatente, Giardino della Praça do Império, Eremo, Museu de Marinha, Museu Nacional de Arqueologia, Planetário Gulbenkian, CCB – Centro Cultural de Belém, Padrão dos Descobrimentos, Museu de Arte Popular, Torre de Belém, Igreja de São Francisco de Xavier, Forte do Bom Sucesso – Museu do Combatente, Pastelaria de Belém, Jardim Botânico Tropical, Museu da Presidência da República, Museu Nacional dos Coches, Fundação Champalimaud, Estação Fluvial de Belém, e per concludere il neonato MAAT – Museu de Arte, Arquitetura e Tecnologia.

torre belem lisbona
Foto: restosdecoleccao

Inizierei con il trittico più famoso di Belém: monastero + torre + monumento delle scoperte.

Monastero dos Jerónimos

Non si può cominciare la visita di Belém se non dal suo maestoso monastero. Costruito nelle vicinanze della chiesa fatta costruire da D. Henrique nel XV secolo, per volere del re D. Manuel I.

Nel 1496, questultimo, fa fondare il Mosteiro de S. Maria de Belém donato ai monaci dell’ordine di S. Gerolamo, oggi comunemente conosciuto come il Monastero dei Gerolamini, dichiarato patrimonio culturale dell’umanità dall’UNESCO nel 1983.

cosa visitare a belem lisbona

A suo interno è istallato anche il museo della marina e il museo di archeologia, entrambi valgono un’attenta visita. Imperdibile il claustro e la chiesa (unica parte del monastero ad accesso gratuito) dove trovete, in quest’ultima, la tomba del navigatore Vasco da Gama e del poeta Luís Vaz de Camões.

lisbona cosa visitare belem
monastero belem lisbona
lisbona cosa visitare belem

COMPRA QUI IL BIGLIETTO PER LA VISITA

Torre di Belém

Anche se oggi è considerata solo come monumento quando la torre fu costruita aveva ben altra funzione. Edificata strategicamente sul margine nord del fiume Tago, tra il 1514 e 1520, serviva come vedetta di avvistamento e prigione in seguito. Un vero gioiello di architettura militare in pieno stile manuelino.

torre belem lisbona

Inaugurata nel 1520, è un progetto dell’architetto Francisco de Arruda, realizzato da Diogo Boitaca, che stava già costruendo il monastero. Nel 1983 è dichiarata matrimonio mondiale dall’UNESCO. L’entrara è a pagamento ma potete risparmiare comprando il biglietto cumulativo con il monastero.

cosa visitare belem lisbona

COMPRA IL BIGLIETTO D’ENTRATA QUI

Nei suoi pressi, più precisamente nel giardino alle sue spalle, la famosa “Avioneta de Gago Coutinho“, il monumento che riproduce l’idrovolante “Lusitânia” utilizzato da Gago Coutinho e Sacadura Cabral per la prima traversata oceana in aereo in direzione Brasile nel 1922.

Padrão Descobrimento

Il famoso e monumentale simbolo delle grandi scoperte, da qui il suo nome. Voluto per celebrare i 500 anni della morte di D. Henrique, il grande Enrico il Navigatore, fu inaugurato nel 1960. In realtà la prima versione, dell’architetto Cottinelli Telmo (1897 – 1948) e dello scultore Leopoldo de Almeida (1898 – 1975), è datata 1940 e fu commissionata per l’Exposição do Mundo Português.

I materiali utilizzati non erano durevoli, doveva essere solo un monumento provvisorio, era una semplice struttura in ferro e cemento. Fu smantellato nel 1958.

La nuova struttura è invece composta da pietra di Leiria e le sculture in pietra calcarea di Sintra. Nel 1985 al suo interno è stato inaugurato il Centro Culturale delle Scoperte, opera dell’architetto Fernando Ramalho.

lisbona cosa visitare belem

Il monumento imita una caravella stilizzata e riunisce su di essa una serie di famosi personaggi del panorama portoghese, 33 per la precisione, tra i quali: Luís de Camões, Vasco da Gama e Pedro Álvares Cabral. Capeggiati da Enrico, naturalmente.

Una curiosità: sapevate che esiste un’unica donna nel gruppo immortalato sul monumento? È la regina Dona Filipa de Lencastre, la mamma di Enrico il Navigatore.

lisbona belem giro veliero

All’interno del monumento c’è un ascensore che vi porta in cima, luogo privilegiato per ammirare Belém e il magnifico pavimento dono del Sudafrica.

Una rosa dei venti (di 50 metri di diametro) che rappresenta la mappa con le rotte dei navigatori del XV e XVI secolo. Disegno dell’architetto Cristiano da Silva. La salita sul monumento è a pagamento

cosa visitare belem lisbona

Conclusa la visita della triologia belemiana (ho appena inventato questo nome, non me ne vogliate) passiamo agli altri luoghi d’interesse del quartiere.

Inizierei con il più giovane museo della lista, il neonato MAAT – Museu de Arte, Arquitetura e Tecnologia.

MAAT – Museu de Arte, Arquitetura e Tecnologia

Come potete intuire dal nome è un’area espositiva dedicata all’arte, l’architettura e la tecnologia. Un progetto datato 2016 dell’atelier Amanda Levete Architects. Il museo occupa un’area di 38 mila metri quadrati ed incorpora due aree: l’antica Central Tejo e il nuovo edificio. La prima parte fu inaugurata nel 1990 come museo dell’elettricità.

Attenzione, il museo invece di chiudere come gli altri il lunedì, chiude il martedì. Entrata a pagamento. Maggiori informazioni.

musei imperdibili belem lisbona
© FG+SG

VISITA BELEM COMODAMENTE SEDUTO SU UN SITWAY

Museo della Marina

Chiamarlo appena museo della marina sarebbe riduttivo, io lo chiamerei un museo dedicato alla relazione storica dei portoghesi con il mare. Il museo, anche se con altro indirizzo, aprì le sue porte il 22 luglio del 1863 per volere di D. Luís.

Dopo diversi cambi di istallazione, il 15 agosto del 1962 si stabilisce in pianta stabile nel Mosteiro dos Jerónimos. Al suo interno diversi modelli di navi dell’epoca delle scoperte. Maggiori informazioni.

Foto: cm-lisboa

CCB – Centro Culturale di Belém

Uno dei miei musei preferiti (posso dirlo?). La sua costruzione è datata 1988 e fu molto polemica all’epoca a causa della sua struttura in netto contrasto con lo stile manuelino dei suoi vicini.

Gli architetti, visionari, furono l’italiano Vittorio Gregotti e il portoghese Manuel Salgado. Visionari perché? Perché da “polemico” ed “inaccettabile” il centro culturale diventa nel 2002 monumento d’interesse pubblico.

cosa visitare belem lisbona
cosa visitare a belem lisbona
Foto: guiadacidade
cosa visitare belem lisbona

Il centro occupa ben 97 mila metri quadrati di spazio tra sale espositive, centro congressi e concerti, ristorante/bar, negozi e molto altro ancora. Una piccola città che ospita anche numerosi eventi gratuiti sul suo magnifico terrazzo, con una vista mozzafiato sul fiume e molti degli emblematici monumenti di Belém. La visita delle sale espositive è a pagamento.

MUSEO DELLE CARROZZE (nuovo e antico)

Partiamo dal principio: il 23 maggio del 1905 fu inaugurato a Lisbona il «Museu dos Coches Reaes» su richiesta della regina D. Amélia moglie del futuro re D. Carlos I. Il museo fu istallato nel salone delle scuderie reali construito dall’architetto italiano Giacomo Azzolini nel 1726 ed adattato a tal scopo dall’architetto della corte Rosendo Carvalheira.

Il tocco dei pittori José Malhoa e Conceição e Silva rendono l’ambiente ancora più armonioso con l’esposizione delle viature di gala.

Il nuovo edificio, inaugurato il 23 maggio del 2015, è un’imponente opera di arte contemporanea firmata dell’architetto Paulo Mendes da Rocha. Maggiori informazioni.

museo delle carrozze lisbona
Museu Nacional dos Coches

CHIESA DI SÃO FRANCISCO DE XAVIER

A Belém come avrete notato di costruzioni polemiche ce ne sono diverse. Un altro esempio è sicuramente la chiesa di S. Francesco Saverio, un progetto di Troufa Real inaugurato nel 2011. Pare che il suo disegno dovrebbe essere un’allegoria alla vita del santo e delle scoperte marittime.

chiese strane lisbona architettura
Foto: Vitor Oliveira

FONDAZIONE CHAMPALIMAUD

Non è un museo da visitare ma un centro di ricerca biomedica. L’ho inserita in questa lista per la sua bellezza architettonica che vale sicuramente una visita, magari approfittando della vista dal suo bar/ristorante.

cosa visitare a belem lisbona
Foto: oftalpro

PRENOTA UN TOUR IN BARCA A VELA SUL FIUME CON VISTA SU BELÉM

STAZIONE FLUVIALE DI BELÉM

Vi starete forse chiedendo perché l’ho inserita tra i luoghi d’interesse visto che è solo una stazione fluviale da dove partono i traghetti per Trafaria. I motivi sono due: a Trafaria sono finalmente tornati i delfini e quindi potreste avere la fortuna di vederli e poi è stata location del film “Treno di notte per Lisbona” con Jeremy Irons.

Per conoscere altre location del film, contattatemi, organizzo movie tour se non lo sapete ancora.

traghetto lisbona da belem
Foto: guiadacidade
film ambientati a lisbona

Per maggiori informazioni sui luoghi d’interesse ed itinerari meno ovvi per visitare Belém vi consiglio di acquistare la mia (non) guida di Lisbona. Maggiori informazioni qui.

Cosa mangiare e dove

La prima cosa che tutti vi diranno è di andare a mangiare i famosi pasticcini alla crema presso l’Antiga Confeitaria de Belém, e vi diranno bene. Non solo per i pasticcini ma per la pasticceria stessa data 1837.

Dei pastéis de Belém, ovvero i pastéis de nata (ora i puristi mi linceranno) e della loro storia ve ne ho già parlato qui e quindi non mi ripeterò. Voglio però darvi un consiglio salta fila (disumana), basterà entrare e sedervi a tavolino. Il prezzo di consumazione è lo stesso. Trucchetto da local!

dolce tipico lisbona
Foto: pasteisdebelem.pt

Chi mi segue, o ha fatto un tour con me, conosce i miei due trucchetti da “local” che consiglio sempre per evitare l’esperienza infernale delle file. Quali sono?
1- Evitate di fare il take away (prendi e porta via), entrate e sedetevi comodamente per ordinare (pagherete uguale).
2- Andare la sera. Perché? Perché la troverete deserta. Non ci credete? Guardate le foto sotto (scattate alle 19 di un mercoledì di novembre).

pasticceria famosa lisbona

PRENOTA UN WORKSHOP PER IMPARARE A CUCINARE I PASTEL DE BELÉM

Per non parlare poi della “chicca” storica sconosciuta dai turisti ma altrettanto unica ed importante da conoscere: i pastéis de cerveja (i pasticcini di birra).

Era il 1943 quando un pasticcere della storica Confeitaria Nacional in Praça da Figueira inventa questi dolcetti golosi di mandorle, uova e birra naturalmente. Potrete mangiarli nello storico locale sito in R. de Belém, 13.

cosa mangiare a belem
pasticcini di belem lisbona
Foto: PasteisDeCervejaDeBelem

CLUB NAVALE

Dopo un tour in barca a vela lungo il fiume Tago ho pranzato al Clube Navale di Lisbona, sulla terrazza all’aperto, e devo dire che ho apprezzato molto. Dove: Av. Brasília al lato del monumento delle scoperte.

dove mangiare a belem lisbona

OS JERÓNIMOS

Un ristorante che conosco sin dal mio primo giorno portoghese. Prima dell’apertura dei tanti localini turistici è uno dei pochi ristorantini tipici sopravvisuti nel tempo alla “turisticizzazione” della città. Dove: Rua De Belém n, 74/78.

Foto: Pantchoa / François de Nodrest

MANTEIGARIA SILVA – VELA LATINA

Sono cliente da sempre dello storico negozio in centro, potete quindi immaginare la mia gioia quando scopro che è possibile mangiare i loro selezionatissimi prodotti portoghesi vista fiume a Belém. Dove: Rua Dom Antão De Almada, 1 C/D.

dove mangiare belem lisbona

Altri ristoranti consigliati dai membri del mio gruppo Facebook “Italiani a Lisbona!!” (che ringrazio di cuore) sono: Pão Pão Queijo Queijo in R. de Belém, 126; Belém 2 a 8 in R. de Belém, 2; Caseiro in R. de Belém, 35; A Marítima do Restelo in R. Bartolomeu Dias, 110.

Come arrivare

Tram 15E; Treno linea Lisbona-Cascais con partenza alla stazione di Cais do Sodré; Autobus: 727, 728, 729, 751; Taxi (circa 10€ dal centro); transfer privato clicca qui.

VAI A BELÉM IN BICI ELETTRICA CON GUIDA

VAI IN TRAM A BELÉM CON AUDIOGUIDA IN ITALIANO

come arrivare a belem lisbona

Eventi annuali

Questa lista sarà in continuo aggiornamento ma per ora posso informarvi dei seguenti eventi annuali: Festa della Primavera, Out Jazz in giardino, Festa del Giappone e Festa della Thailandia.

vi possono interessare anche

-cliccare sulle immagini per ricevere informazioni –

GIRO IN BARCA A VELA SUL FIUME TAGO

VISTA BELÉM E LISBONA IN ELICOTTERO

elicottero a lisbona

TOUR IN SITWAY

visita italiano lisbona sitway

6 Comments

  1. L'OrsaNelCarro Travel Blog

    Fra storia, archeologia, architetture meravigliose e cibo Belem si candida ad essere eventualmente il mio quartiere preferito! Ma cosa non è quel chiostro! *_* La curiosità dell’unica donna sul monumento la conoscevo…indovina su quale blog l’ho letta? 😉 Buon fine settimana Lilly!

Rispondi