Vestirsi di luce

dezeen_Gaze-activated-dresses-by-Ying-Gao_1Ying Gao, fashion designer e docente universitaria, ha confezionato degli abiti “viventi”. Chiamati (No)where (Now)here: Two Gaze-activated Dresses il progetto sarà esibito al Shanghai Museum of Contemporary Art il prossimo novembre e al Textile Museum of Canada la prossima primavera.

La stilista, nata in Cina, cresciuta in Svizzera, formatasi in Canada (Montreal) e approdata a Parigi, ha trovato ispirazione dall’opera di Paul Virilio (1979) “Esthétique de la disparition”, in cui viene affrontato il tema della crisi del progresso a causa dell’eccesso di tecnologia nella società odierna. Ying Gao, per la creazione dei suoi abiti, ha integrato nei tessuti (seta, cotone, nylon, organza) degli “elementi elettronici” come fotocellule, fibre ottiche, microcamere, pigmenti fotoluminescenti, rilevatori di movimento e addirittura camere d’aria ultraleggere.

Cosa ve ne pare?

8 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.